Al CRT TEATRO DELL’ARTE il 31 gennaio Gagaku & Budo Musica di Corte Giapponese e Arti Marziali

INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA (fino a esaurimento posti)
Al Teatro dell’Arte un evento multidisciplinare, che abbraccia musica, teatro ed arti marziali e che conduce il pubblico in un viaggio nell’anima più profonda e autentica della cultura nipponica, con le arti del Gagaku e del budō intrise dello spirito giapponese e della storia millenaria del Sol Levante.

L’anno appena trascorso, il 2016, ha segnato la storica ricorrenza dei 150 anni di amicizia tra Giappone e Italia. Ricollegandosi a questo importante anniversario, il Santuario Meiji Jingu presenta in Italia in Europa un’esibizione di gagaku, musica di corte, e di budō, arti marziali gagakuCRT-milanoinscenapatrimoni della tradizione e della cultura giapponese.

Il gagaku, musica di corte tradizionale, che si tramanda invariata nella sua forma originaria da almeno 1500 anni, è il risultato della fusione tra antiche musiche giapponesi e generi melodici di provenienza asiatica. Preservato dalla corte imperiale, è giunto inalterato fino ai giorni nostri, eseguito come musica liturgica nei principali santuari shintoisti e templi buddisti.
Nella musica gagaku si utilizzano, tamburi tradizionali (taiko), strumenti a fiato quali il ryūteki (un tipo di flauto traverso) e lo shō (strumento cilindrico composto da 17 canne di bambù di lunghezze diverse); spesso è previsto l’accompagnamento di danze. L’esibizione in programma vede protagonisti sacerdoti e miko shintoiste del Santuario Meiji.
Il budō, la disciplina marziale, è qui presentato sotto forma di spettacolare dimostrazione di aikidō e kenjutsu (arte del combattimento con la spada) a cura dei maestri dello Shiseikan, il dōjō del Santuario Meiji, affiancati da praticanti amatoriali europei che hanno frequentato il dōjō stesso. Il budō si prefigge di fortificare lo spirito e il corpo, considerando il primo non meno importante del secondo. Una spiritualità che, secondo la tradizione, trova la sua origine in antiche credenze giapponesi e che è dunque profondamente legata sia allo shintoismo, sia al buddismo, trasmesso in Giappone dopo il VI secolo.

PROGRAMMA

Proiezioni:
filmati sulla cultura giapponese e sullo shintoismo; presentazione del Santuario Meiji Jingu

Gagaku (musica di corte):
Hyōjō-netori e etenraku: concerto di 3 fiati e 3 percussioni.
Yoyogi-no-mai: danze con accompagnamento di musica “kagura” eseguite da miko shintoiste del Santuario Meiji Jingu.
Ran-Ryō-ō (Il Principe di Lan Ling): danze con accompagnamento di musica “bugaku” eseguite da sacerdoti shintoisti del Santuario Meiji Jingu.

Budō (arti marziali):
dimostrazione di aikidō e kenjutsu a cura del Direttore dello “Shiseikan” (dōjō del Santuario Meiji Jingu) e di altri maestri e praticanti.